“Il segreto del cambiamento sta nel focalizzare tutta l’energia non nel combattere il vecchio ma nel costruire il nuovo”. Dopo millenni questa citazione di Socrate sembra essere ancora la miglior strategia per chi vuole restare al passo coi tempi.

Cogliere la direzione in cui sta andando il mondo e soprattutto essere in grado di leggere scenari futuri sono due valutazioni molto più costruttive piuttosto che accontentarsi e difendere l'esistente, specialmente quando questo assomiglia troppo al passato.

Viviamo in un'epoca di grandi cambiamenti, in cui l'innovazione viaggia velocissima, possiamo ormai dire di essere entrati a tutti gli effetti nell'Era Digitale. Ed è proprio nel digitale che dobbiamo investire, è proprio quello il campo da valorizzare: il progresso della Cultura Digitale.

In ambito business, saper fare buon uso degli strumenti digitali attualmente a disposizione risulta essere la chiave vincente, mantenendo costantemente uno sguardo lungimirante alle novità.

Il mercato italiano delle PMI racconta però un quadro in cui, a dispetto di quanto si possa credere, c’è ancora tanto da lavorare per diffondere una solida Cultura Digitale. Infatti, in un caso su 3, le piccole e medie imprese non hanno ancora un sito web e, addirittura, nell'86% dei casi non svolgono nessuna attività di marketing e di comunicazione online.

Una web presence correttamente sviluppata rappresenta per chiunque una grande opportunità che racchiude infinite possibilità, basti pensare a quante persone ogni giorno navigano sul Web.

"Lascia aperta la porta del cuore" cantava Marco Ferradini in "Teorema", in questo caso possiamo dire "lascia una tua traccia digitale", permetti agli altri di trovare la tua azienda online e "vedrai che un cliente è già in cerca di te".

fonte: axelero.it